Un'infinità di meringhe

COMPAGNI DI MERINGHE

Ci siamo. È uscita su App al Cinema la mia rubrica mensile Amore, cucina e cinema. Protagoniste indiscusse, le meringhe.

MERINGHE

Le meringhe

Stavolta parlo proprio di meringhe  – che non sono così scontate – e parlo di un film che mi ha incantato: Oceania.

E sì. Casa Disney fa ancora il suo dovere da quel di Lilly e il Vagabondo.

preparando meringhe

Preparando meringhe…

Per quanto riguarda le meringhe riporto qui la ricetta che ho imparato grazie alla professionalità di un giovane pasticciere, campione d’Italia con il Team Cuochi Verona, bronzo alle Olimpiadi della Pasticceria, argento all’Italian Street Food e ai Campionati Italiani della Cucina: Emanuele Olivieri. Ho avuto l’onore di conoscerlo in un incontro pensato per food blogger in una location speciale (e molto shabby chic, come piace a me): la Country House Ca’ Blanca, a Castelnuovo del Garda, che ci ha gentilmente ospitato per un goloso pomeriggio. Io mi ci sarei trasferita (guardatevi la gallery e capirete perché).

Ca' Blanca

Ca’ Blanca

Ringrazio come sempre Valeria De Rossi, amica, food blogger ineccepibile con il suo ormai mitico Pane per i tuoi denti. Ringrazio Emanuele e la sua pazienza (con me ai fornelli ce ne vuole parecchia). E ringrazio Elena, padrona di casa meravigliosa. Ah, e ringrazio tutti i miei compagni di meringhe 😉

La ricetta è di Emanuele Olivieri ed è ispirata alla classica meringa francese. Le dosi qui riportate sono per due placche di meringhe.

Meringata (Valeria De Rossi ph).

Meringata (Valeria De Rossi ph).

 

 

 

LE MERINGHE DI VAIANA (Meringhe francesi)

 

Ingredienti

  • 250 grammi di albumi a temperatura ambiente (attenzione, non dev’esserci nemmeno una goccia di tuorlo altrimenti non monta!). Si possono anche usare albumi pastorizzati ma vanno montati un po’ più a lungo.
  • 700 grammi di zucchero a velo (è preferibile usare zucchero semolato frullato)
  • 7-8 grammi di aceto bianco oppure succo di limone filtrato.

 

Preparazione

Chiariamo subito: anch’io ero scettica sull’aceto, ma è necessario: toglie l’odore di uovo, fa montare meglio e sbianca.

Per prima cosa assicuratevi che negli albumi non ci sia nemmeno una goccia di tuorlo: altrimenti non monta. Montate l’albume fino al momento in cui inizia a schiumare. A questo punto, aggiungete lo zucchero poco per volta, con la planetaria ad alta velocità (ma non alla massima). Una volta versato tutto lo zucchero aggiungete ‘aceto e passate alla massima velocità consentita dalla planetaria: dovete ottenere ina struttura solida e resistente. Utilizzando la sache à poche distribuite l’impasto su carta da forno a forma desiderata: può essere la classica spumiglia, un disco per farne poi la base perfetta per una meringata o dei cilindretti per decorare.

Cuocere in forno a 100-110 gradi (dipende molto dal tipo di forno che avete) per un’ora. Una volta terminata la cottura aprire leggermente il forno (se mai, aiutarsi con un mestolo per bloccare l’apertura) e lasciare che si raffreddino con lentezza per almeno un’ora.

Se volete dare un colore alle meringhe (rosa o azzurre) sarà sufficiente aggiungere del colorante in polvere a fine montatura, stando bene attendi a dosare bene la quantità per ottenere l’intensità di colore desiderata.

 

Si ringrazia per l’ospitalità la splendida Country House Ca’ Blanca ed Emanuele Olivieri.

Il pasticciere Emanuele Olivieri

Il pasticciere Emanuele Olivieri

 

Io e i miei 'compagni di meringhe'

Io e i miei ‘compagni di meringhe’

io e vale

Io e Valeria De Rossi

Leggete l’articolo su App al Cinema e scoprite Ca’ Blanca

Ca' Blanca. Il dettaglio di una camera

Ca’ Blanca. Il dettaglio di una camera

Ca' Blanca. Il dettaglio di una camera.

Ca’ Blanca. Il dettaglio di una camera.

Ca' Blanca: la cantina-ristorante.

Ca’ Blanca: la cantina-ristorante.

Ca' Blanca

Ca’ Blanca

La grande sala da pranzo a Ca' Blanca. Un dettaglio.

La grande sala da pranza Ca’ Blanca. Un dettaglio.

Dettagli di stile a Ca' Blanca

Dettagli di stile a Ca’ Blanca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>