pranzo-natale

IN FORMA NONOSTANTE (E DURANTE) LE FESTE

Pranzo aziendale, due cene con gli amici, brunch con la cuginetta, cena aziendale 2 la vendetta, aperitivo con gli amici parte III.
Questa, a grandi linee, l’agenda di ognuno di noi sotto Natale.
Le feste, nonostante tutti gli sforzi, sono un periodo all’ingrasso. Non ci si può sottrarre. Non perché non si voglia: semplicemente non si riesce.
Ce ne pentiremo poi: in fondo, il cappotto maschera bene. E negarsi fa davvero cafone. E poi dài, è Natale, mica mi metto a dieta proprio adesso, che tanto la zia farà la crema al mascarpone per il pandoro, al pranzo del 25. Suvvia, in fondo è una volta l’anno. Vabbè due, con il 31. Tre, con Capodanno. Quattro, con la Befana. Bingo. Poi basta. Poi insalata.

 

dieta-natale

E così, la mattina di ogni 7 gennaio, nelle case di incauti quanti ignari donne e uomini si leva un agghiacciante grido di terrore davanti alla bilancia crudele e ai pantaloni che stringono senza pietà.

Adesso vi faccio il mio personale regalino di Natale. Ovvero qualche pratico consiglio per godersi la vita senza dover cambiare taglia a gennaio.

Ho consultato la dottoressa Debora Zambon, medico del lavoro, medico antiaging e nutritional sport consultant. E le ho domandato come rimanere in forma nonostante (e durante) le feste.
“Bisogna puntare sulla verdura perché è ipocalorica. Dopo una cena importante meglio quindi fare un buon minestrone, cercando di non abbondare con le patate, se hai già fatto il carico di carboidrati la sera prima: questi due ortaggi hanno un indice glicemico più elevato”.
Ci sono verdure più indicate di altre, nel nostro scopo?
“Alcune sono meglio di altre sicuramente: il finocchio ha delle ottime proprietà drenanti, per esempio e aiuta le funzioni intestinali. Attenzione al sale: favorisce la ritenzione idrica quindi meglio utilizzare spezie o erbe aromatiche”.

finocchio
E se la notte ci siamo rivoltati nel letto con l’abbacchio sullo stomaco?
“Il giorno dopo rimediate con la colazione perfetta: tè verde senza zucchero, ricco di antiossidanti e con effetto diuretico. Bisogna evitare però i carboidrati raffinati e preferire i cereali integrali, ricordandosi di non tralasciare le proteine: completate la colazione con uno yogurt, meglio se greco, che è più proteico” oppure con frutta secca”.

“Il giorno dopo la grande abbuffata rimediate con la colazione perfetta: tè verde senza zucchero, ricco di antiossidanti e con effetto diuretico”

In buona sostanza, come ci dice anche la nostra esperta, la dottoressa Debora Zambon, è possibile concedersi degli sgarri alla regola.
Ma c’è una costante che non deve mai mancare: l’attività fisica.

“Se non praticate regolarmente nessun sport durante queste feste cercate di andare almeno a fare delle belle passeggiate. Se invece frequentate abitualmente una palestra cercate di non abbandonarla, pensate alla fatica che fareste a riprenderla e inoltre, se avete in programma la grande abbuffata, ritagliatevi il pomeriggio (prima) per fare un’oretta di sport. Perché praticare sport prima (e non dopo!), ci permette di bruciare le calorie che assumeremo“.

sci-neve-camminare-sport

Questo com’è possibile, dottoressa Zambon?
“Durante l’attività sportiva noi consumiamo diverse calorie – spiega la dottoressa Zambon -. Ma se noi facciamo almeno 40 minuti di attività aerobica ad un ritmo costante a una frequenza del 70% della nostra frequenza massima (FCmax)* consumeremo anche dopo, perché manterremo elevato il nostro metabolismo anche nelle ore successive.
Una volta che abbiamo terminato l’attività fisica durante il periodo definito finestra metabolica, ricordiamoci che è necessario reintegrare la massa muscolare mangiando sia carboidrati che proteine. Quindi non abbuffiamoci solo di primi piatti e dolci ma ricordiamoci che i muscoli sono fatti di proteine e quindi mangiamo anche carne. O meglio ancora pesce. Un’oretta di sport moderato, ma non intenso, accrescerà il mio metabolismo, che brucerà meglio le calorie anche dopo”.

Buoni sgarri natalizi a tutti. E felice Anno Nuovo.

 

* Calcolare la propria frequenza massima è semplice. Fc max = 220 -età (anni). Per approfondimenti o chiarimenti consultate al vostro medico di fiducia.

2 commenti
  1. Federica
    Federica says:

    Utilissimi consigli per le festività in arrivo E più che altro concretamente utilizzabili da chiunque !!
    GraZie alla dssa Zambon per la chiarezza

    Rispondi
    • alimentarewatson
      alimentarewatson says:

      Grazie Federica! Felice che ti sia piaciuto l’articolo. Ne seguiranno molti altri, a breve.
      Buone feste e soprattutto buon 2017!

      Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>