cereali fibre

QUESTIONE DI FIBRA

La parola magica per stare in forma (e soprattutto in salute) è: fibra.
Sono proprio le fibre che ci aiutano a stare meglio. E a dormire meglio. Ad affermarlo uno studio pubblicato dal Journal of Clinical Sleep Medicine della Columbia University di New York.
“Il nostro risultato principale è stato che la qualità della dieta influisce su quella del sonno – spiega Marie-Pierre St-Onge, l’autore principale, all’Ansa -, ma la cosa che ci ha sorpreso di più è stato che un solo giorno di apporto di grassi maggiore del solito e con poche fibre può già influire sui parametri del sonno“.
Uno studio che ha coinvolto 26 adulti, 13 uomini e 13 donne, di peso normale ed età media 35 anni. L’esperimento consisteva nel controllare il loro sonno: durante cinque notti passate in laboratorio i partecipanti hanno dormito, controllati dagli strumenti, prima dopo tre giorni di dieta decisa da un nutrizionista e poi dopo un giorno di dieta ‘a piacere’. Oltre a influenzare la qualità del sonno, la dieta ha mostrato un effetto sul tempo impiegato ad addormentarsi, 29 minuti per chi aveva mangiato ‘pesante’ e 17 per chi aveva avuto al dieta sana.
Ma dove troviamo le fibre?
Magari già dalla colazione, con cereali come crusca e avena, tanto per cominciare. E poi durante gli altri pasti: frutta e ortaggi sono una fonte importantissima di fibre, un elemento essenziale nel processo digestivo.
E sono inoltre ricchi di vitamine e minerali, essenziali nel corretto funzionamento dei meccanismi fisiologici. Non ultimo, contengono antiossidanti che svolgono un’azione protettiva.
È un bene variare l’assunzione dei vari tipi di fibre, come quelle solubili (legumi e frutta) e quelle insolubili (cereali integrali e verdura). Se le prime aiutano a rallentare e ridurre l’assorbimento di glucidi e colesterolo, gli altri aiutano la regolarità intestinale.
Mica male, la fibra. No?

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>